Sognare l’impossibile

Iride Racconto breve Leave a Comment

Giacomo guarda fuori dal finestrino.
Guarda il cielo, a scacchiera; tagliato da innumerevoli scie aeree.
L’osserva dal finestrino della macchina in corsa, dal suo seggiolone.
“Un cielo fin troppo grigio – rammenta fra sé e sé – ci vorrebbero almeno seltrerzi di azzurro corallo in una mistero di bianco schiuma, magari sommando dòtre note di perla.”
Giacomo, figlio d’arte di un imbianchino, è appassionato dal colore; da grande infatti vuole fare l’inventore di colori.


Malgrado le sue scarse abilità nelle tabelline e nel far da conto, si pensa che questa passione sia nata per via della sua avversione indiscriminata nei confronti dei numeri dispari – non sopporta l’idea che al mondo ci siano tre colori primari. Per questo, per escludere i numeri dispari, è stato costretto ad elaborare nuovi valori numerici come il “seltrerzi” e il “dòtre”, oppure il “cinquequasiquattro” o il “undiotto”.
E lui pensa, anzi desidera (il grande meccanismo dell’umanità; il desiderio), creare il fantasmagorico quarto colore, con le sue infinite sfumature. Una nuova declinazione della luce. Un colore in grado di ricoprire il grigiume della vita – il grigiore asfalto, direbbe Giacomo – di quella strada consumata, già percorsa, superficiale, eco di un sentito dire e mai di un dire sentito, dal profondo.
Lui, principiante del colore, vede il contrasto assurdo, il disequilibrio tra i vari colori, e la continua diatriba tra il nero e il bianco, e ingenuamente pensa, anzi spera (il gesto più libero della libertà stessa: la speranza) che questo suo quarto colore possa riuscire a colmare il contrasto, e magari legare gli opposti.

“Basta sognare!”, quante volte si è sentito ripreso e ammonito dai grandi, solo perché distratto, a loro dire.
E se bastasse solo sognare? E se il sogno si tramutasse in ambizione, nell’obiettivo da raggiungere, ed in fine diventasse realtà?
Giacomo si è già posto queste domande, con l’ingenuità dei suoi otto anni, e tu?
Lo ha fatto Giacomo, perché non dovresti farlo tu; parlo di sognare l’impossibile.

Lui tra l’altro deve affrontare il fatto di aver sbugiardato babbo natale strappandogli la barba, e con l’arrivo dell’anno nuovo deve accettare il fatto di compiere 9 maledetti anni dispari.
Lui, nonostante tutto, desidera il quarto colore!
Lo ha promesso. Lo ha promesso a sua mamma che riposa nell’alto dei cieli.

Ha dato da bere ai fiori.
Cammina sul ghiaino mano a mano.
“Papà, guarda! Questo arancione tramonto e pieno di fiammeggianti rossi, non credi sia bellissimo?!”
“Sì, Giacomino – sorride con il macigno sul cuore – e veramente bello.”
“Ma papà … non credi manchi qualcosa?”
Si fermano, il papà adesso vede il cielo.
“Sai Giacomino, effettivamente manca qualcosa – lo carica in spalle – ci vorrebbe un soltrerzi di sabbia dorata.”
“Ma no papà! Si dice seltrerzi: seltrerzi di sabbia dorata!”

Sognate l’impossibile.
Daremo fuoco alle case.


Racconto breve di Alessandro Iride Parlato 

Immagine evidenza di Luca Peruzzi

 

 

 

 


Stronzi

Buon 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *